Vai al contenuto

Doppio lavoro del dipendente: cos’è e quando indagare?

Se hai un’azienda e sei un imprenditore probabilmente ti sarai chiesto cosa fare in caso di doppio lavoro non dichiarato da parte del dipendente, soprattutto nei casi in cui il secondo lavoro è effettuato senza aver ottenuto la tua autorizzazione. In molti casi è possibile rivolgersi ad un’agenzia investigativa come Andrea Quarta Investigazioni per ottenere tutela in caso di comportamenti illeciti da parte dei dipendenti. Vediamo allora quando il dipendente non può svolgere un doppio lavoro senza dichiararlo al datore di lavoro.

Doppio lavoro: i casi in cui non è concesso senza autorizzazione

In molti casi il doppio lavoro non autorizzato da parte del datore di lavoro può portare al licenziamento e proprio in questa situazione sempre più datori di lavoro ricorrono all’Agenzia Investigativa per raccogliere le prove della condotta scorretta. In particolare, il dipendente non può svolgere il doppio impiego nelle seguenti situazioni:

  • aziende che appartengono allo stesso settore, dato che questo comportamento va contro il divieto di concorrenza. In questa circostanza l’autorizzazione al doppio lavoro deve essere richiesta ad entrambe le aziende;
  • impiego nel settore pubblico: chi lavora nella pubblica amministrazione non può svolgere un doppio lavoro senza autorizzazione, fatta eccezione dei medici e del personale sanitario;
  • contratto di lavoro che vieta esplicitamente lo svolgimento di un secondo impiego e le prestazioni di lavoro autonomo, senza l’autorizzazione del datore di lavoro;
  • attività concomitante nel settore delle Forza Armate, dato che anche i militari devono dimostrare l’assenza di conflitto di interessi tra il primo e il secondo lavoro, da svolgere sempre previa autorizzazione.

Come detto, in tutti questi casi esiste l’obbligo di autorizzazione e il dipendente deve dichiarare al datore di lavoro l’intenzione di svolgere un secondo impiego per ottenere il relativo consenso. Non solo: anche il secondo lavoro deve prevedere un regolare contratto e non va svolto durate l’assenza per malattia dal lavoro principale o abusando dei permessi della Legge 104.

Le regole per il doppio lavoro part time e full time

Ogni lavoratore deve limitare l’attività a 48 ore settimanali e avere almeno 24 ore di riposo settimanale. Per questo il doppio lavoro è più frequente in chi ha un impiego part-time, anche se nulla vieta di affiancare al primo lavoro da 40 ore un secondo da sole 8 ore settimanali. Quando richiedere allora l’intervento di un’agenzia di investigazioni come Andrea Quarta?

L’indagine investigativa va richiesta quando si sospetta che il dipendente svolga il doppio lavoro durante l’assenza per malattia. In questo caso viene meno il rapporto di fiducia datore-dipendente, anche per il fatto che la malattia è pagata e nella maggior parte dei casi a questa spesa si aggiunge la retribuzione di un sostituto. Di conseguenza, il doppio lavoro durante la malattia porta a un danno economico per l’azienda.

Inoltre, l’investigatore privato interviene quando il doppio lavoro è in conflitto con l’impiego principale, come nel caso in cui il dipendente lavori presso un’azienda concorrente. In questo caso il datore di lavoro principale subisce gravi danni a livello non solo economico, ma anche di reputazione e immagine e che comprendono la violazione dell’obbligo di riservatezza.

Appare, quindi, evidente come le investigazioni per doppio lavoro siano richieste dall’imprenditore per raccogliere prove a favore del licenziamento per giusta causa.

In questo caso, contattare un investigatore privato significa affidarsi a un professionista che attraverso l’osservazione statica con appostamenti e dinamica con pedinamenti dimostra i comportamenti sleali dei dipendenti e raccoglie prove che entrano in un dossier o relazione tecnica finale. Si tratta di materiale che permette al datore di lavoro di far valere i suoi diritti in Tribunale per impedire il verificarsi di danni economici e di immagine causati dallo scorretto comportamento dei dipendenti.

Investigazioni Andrea Quarta