Vai al contenuto
affidamento minori

Affidamento minori: presupposti e procedura

Quando una famiglia d’origine non riesce a garantire al minore il diritto di crescere ed essere educato in maniera adeguata si ricorre all’istituto dell’affidamento familiare. In questo caso il minore viene affidato ad altra famiglia per permettere alla famiglia di origine di superare lo stato di difficoltà, che può derivare da problemi economici, psicologici o logistici. Con l’istituto dell’affidamento minori i genitori affidatari non possono essere considerati come genitori diretti del minore. Vediamo ora cosa è l’affidamento e quali sono gli attori coinvolti.

Cosa è l’affidamento del minore?

L’istituto dell’affidamento minore o affidamento familiare è regolato dalla art.4 Legge adozione poi modificato dalla Legge 149/2001 e dall’ex Dlgs 154/2013 che ha attuato la legge delega 219/2012. Nel 2001 il legislatore ha confermato il diritto del minore ad avere una famiglia come emerge dalla legge 149/2001 che riconosce il diritto a «crescere e ad essere educato nell’ambito della propria famiglia». A favore della famiglia ci sono interventi di sostegno e aiuti da parte dello Stato per permettere di superare situazioni di indigenza da parte di chi esercita in via esclusiva la responsabilità genitoriale.

Tra le norme della legge 184/1983 va ricordato, invece, l’art.79bis, che prevede che il giudice segnali ogni situazione di indigenza, in modo da consentire al minore di essere educato nell’ambito della propria famiglia.

Chi sono gli attori coinvolti nella procedura di affidamento minore?

I protagonisti dell’affidamento del minore e gli attori coinvolti nella procedura di affidamento sono:

  • il minore, ovvero la persona dalla nascita ai 18 anni che ha diritto di essere ascoltato, informato e anche durante l’affidamento mantenere i rapporti con la propria famiglia;
  • la famiglia di origine, che ha il compito di crescere ed educare il minore nella sua integrità fisica, psichica o emotiva. In caso di affido la famiglia di origine deve essere coinvolta in tutte le fasi del processo e ha diritto ad un sostegno individuale per quanto riguarda il percorso di affido, in modo da essere attivamente coinvolta per superare le difficoltà. Tra gli obblighi della famiglia di origine vi è la collaborazione con gli organi socio-assistenziali locali, mentre tra i diritti vi è quello di visita e frequentazione del minore affidato;
  • la famiglia affidataria: si tratta di ogni coppia o singolo che a seguito di una valutazione tecnica psico-sociale si conferma idonea a mantenere un minore in collaborazione con le istituzioni e con una particolare sensibilità verso altre etnie e culture sociali. Le famiglie che possono rendersi disponibili all’affidamento sono coppie coniugate con figli o senza e persone non coniugate. La legge non stabilisce vincoli di età o reddito e gli unici requisiti sono la presenza di una casa adeguata, la disponibilità affettiva e la capacità educativa nei confronti del bambino. Una valida famiglia affidataria lavora alla valorizzazione delle sue risorse, curando e mantenendo i rapporti con la famiglia di origine per il reinserimento del minore.

Qual è il ruolo dell’agenzia investigativa?

Nell’ambito dell’affidamento familiare Andrea Quarta Investigazioni vanta un’esperienza pluriennale e sa occuparsi con professionalità e discrezione di questo tema delicato. Nelle nostre sedi potrai trovare un investigatore privato che permette di giungere alla redazione di un dossier investigativo preciso, valido per supportare la domanda di affido.

Quando una famiglia di disgrega o si trova in difficoltà economiche uno dei problemi più difficili da affrontare è l’affidamento dei minori, dato che l’interessato non può decidere in autonomia. Ecco perché un investigatore privato sarà a tua completa disposizione per mostrarti come il genitore affidatario accudisce il figlio e quali sono le abitudini e lo stile di vita. Per verificare che l’affidamento sia conforme all’equilibrio psico-fisico del minore vengono realizzate prove documentali, che in caso di non idoneità del genitore e della famiglia affidataria hanno valore legale in Tribunale.

Se vuoi conoscere come vive il minore in affido o effettuare un’indagine prima e durante l’affidamento minori puoi rivolgerti ai nostri investigatori privati.

Investigazioni Andrea Quarta